top of page
Cerca

Correggio. Riapre la Basilica di San Quirino.


Riapre al culto la monumentale Basilica di San Quirino a Correggio.

Chiusa per ragioni di sicurezza all’indomani del sisma che aveva danneggiato anche la torre civica adiacente alla facciata, la chiesa arcipretale di Correggio scrigno di arte che dal Rinascimento giunge fino alla contemporaneità con pregevoli opere di pittura e scultura, riapre dopo un complesso intervento di consolidamento strutturale che ha restituito all’edificio condizioni di agibilità.


Riapre infatti a sette anni dal terremoto del maggio 2012.


Gli interventi effettuati hanno comportato l’apertura di numerosi cantieri ai quali hanno preso parte in particolare la Regione, l’Ufficio Diocesano Beni Culturali e nuova edilizia di culto, Mibact Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio di competenza provinciale, la Presidenza del Consiglio, la Parrocchia San Quirino ed il Comune di Correggio.


Ampia la gamma dei opere condotte su tutta la chiesa con interventi di riparazione sismica tramite azioni strutturali di consolidamento delle volte e delle coperture, consolidamento delle murature lesionate ed apposizione di nuove catene metalliche. Nell’occasione si è provveduto inoltre al restauro di diverse componenti dell’apparato pittorico e decorativo.



È stata preventivamente compiuta una necessaria indagine stratigrafica con tassellature e analisi chimiche e granulometriche dei materiali; vi ha partecipato il restauratore Gianni Gazzotti.


Il progetto ha infine consentito di approfondire, con una specifica ricerca storica negli archivi della fabbriceria della basilica, le epoche e le modalità delle principali azioni di restauro e modifiche operate nel tempo sull’apparato decorativo. In particolare si è fatto riferimento al periodo storico che va dalla metà dell’800 ai primi anni trenta del ‘900.


Il cantiere per il restauro della basilica correggese è stato aperto dopo l’Ordinanza del 27 settembre 2013 che ha dato il via al complesso di opere da effettuare in chiese, fabbricati per attività parrocchiali ed edifici pericolanti e causa di inagibilità di fabbricati limitrofi. Nel documento veniva testualmente precisato che i lavori servivano alla “riparazione con rafforzamento locale e ripristino con miglioramento sismico” e si deliberava, con riferimento alla chiesa patronale di Correggio, lo stanziamento di complessivi 858.523 euro.

Contestualmente la parrocchia ha intrapreso lavori, che hanno recuperato tanto l’apparato decorativo ottocentesco che impreziosisce l’interno.





0 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page